Archivi tag: Storia

Basta Bugie

Basta Bugie

Basta Bugie, questo giornaletto cattolico dal titolo ardito, tra gli argomenti trattati, ha anche una rubrìca in cui vengono raccontate le vite dei Santi.

Traggo dall’articolo sulla vita della Santa Maria Maddalena de’ Pazzi  (1566-1607) il seguente brano relativo alla sua vestizione:

‘La sua vita consacrata fu immediatamente contrassegnata da doni mistici incomparabili. Nei quaranta giorni successivi alla professione religiosa, Gesù, anche più volte al giorno, la rapiva in estasi. Le fece più volte ammirare la bellezza della Sua Santissima Madre, le tolse il cuore e lo nascose nel suo Cuore, le affidò come maestro lo Spirito Santo e le diede come consiglieri sant’Agostino, santa Caterina da Siena, la beata Maria Bagnesi e il suo angelo custode’.

Chiaramente gli editori di Basta Bugie hanno tratto di peso la vita di questa suora da un libretto devoto di epoche passate. Tuttavia, un giornale che si intitola Basta Bugie, non dovrebbe pubblicare la vita di una santa nello stile fiorito e metaforico dell’epoca d’oro della Controriforma. Qualche devoto potrebbe prenderlo alla lettera e pensare che Gesù operasse già dei trapianti.

La santa è famosa per il suo stile di vita penitenziale e la sua ricerca della sofferenza estrema. Un fenomeno assai diffuso in quel periodo in cui si voleva rimediare allo stile di vita piuttosto epicureo o mondano di tanti monasteri maschili e femminili.

Proprio a due passi da casa mia, c’è un palazzo antico con una targa in cui si dice che, in una cappellina sulle scale, trascorse in preghiera l’intera sua vita il Beato Lodovico Bormioli (1433-1485) . Ora, passare quasi ogni giorno per quello stradellino (Via Dal Luzzo, Bologna) e leggere la targa mi crea un po’ d’angoscia.

Per fortuna mi colpì in gioventù l’affermazione di un ardente discepolo di Cristo, secondo cui si può diventare santi anche spegnendo le candele dell’altare maggiore con il lancio di noci da distanza adeguata. Idea alquanto peregrina, ma che ebbe su di me un effetto liberatorio.

Mentre, che lo stile di vita dei Santi e la tipologia dei Miracoli siano determinati dalla specifica età storica, non è affatto un’ idea peregrina.

Ripensandoci tuttavia, così com’è, quel testo, tenuto conto della distanza storica, si armonizza perfettamente con il tono e il fervore odierno del giornale: la vita del cristiano non è mica una roba da codardi.

 A me conferma l’idea che ogni religione abbia i suoi talebani.