Netflix 2

Ho detto che Netflix ha un buon numero di serie coreane, cinesi, giapponesi. Personalmente ho apprezzato serie romantiche con protagonisti giovani. Potranno sembrare piuttosto sdolcinate, ma a me piace il loro ritmo e anche la loro particolare concezione estetica, della natura come delle persone. Potrei sbagliarmi del tutto, ma ho come l’impressione che le serie siano tutte condizionate, in senso positivo, dalla tradizione teatrale cinese o giapponese, quasi che gli eventi vadano narrati rispettando rigide regole formali, come quadri da ammirare, ma anche su cui meditare.

Tra le prime che ho apprezzato è Meteor Garden: i protagonisti sono ragazzi e ragazze che frequentano l’università. Anche qui, come nelle analoghe serie americane, ci sono ragazzi o ragazze più o meno adorati o idolatrati dalla maggioranza, ma i fighi americani sono spesso bulli atletici e sprezzanti, qui invece, in apparenza schizzinosi e distanti, rivelano le migliori qualità umane. E’ una sola stagione, ma di 49 episodi.

In questo momento sto guardando una serie dal titolo strano, ma azzeccato: It’s okay to not be okay. Anche qui c’è una lunga storia di innamoramento che avanza lentamente tra molti ostacoli. Ma l’ambiente è quello di un piccolo ospedale psichiatrico, il cui direttore non ha nulla di convenzionale. La protagonsita è una scrittrice di favole per bambini di grande successo; è molta bella, ma dispotica ed egocentrica; le sue favole contraddicono le più note favole della tradizione, come significato e come illustrazione.

Tutta la vicenda è all’insegna della contraddizione, non solo rispetto all’universo della fiaba, ma anche rispetto all’universo della malattia mentale. Ha una sua lentezza e non permette il binging, va gustata a piccole dosi. Ma solo in una serie asiatica potrete vedere amanti o aspiranti tali, guardarsi in volto immobili per lunghi minuti, e riproposti, alla fine di ogni episodio, in momenti significativi della vicenda.

Assai più mosso nel suo ritmo è Crash landing on you. Narra di una ricca, giovane e lanciatissima stilista, appasionata di deltaplano. Piuttosto temeraria, si ostina a volare malgrado l’imminenza di un uragano, che la porterà a varcare la soglia del 42° parallelo e atterrare tra le braccia di un solerte capitano che vigila con la sua pattuglia su eventuali ingressi di spie sudcoreane.

I momenti divertenti sono tanti, ma l’aspetto più apprezzabile è la garbata ironia con cui si descrive la vita quotidiana dei poveri nord coreani; a cominciare da una paradossale parata di donne che vanno al lavoro inneggiando al comunismo. Nel seguito non mancano le critiche e le ironie sullo stile di vita sudcoreano.

Un grandissimo successo spagnolo, che in molti modi risente della lezione almodovariana, è la Casa di Carta. La rapina del secolo consiste nell’occupazione della Zecca di stato, con ladri che possono stampare moneta assolutamente legale. Ricca di colpi di scena, non è solo una serie di azione. Vi renderete conto seguendola che è anche una descrizione di tante e diverse vicende amorose.

Una deliziosa serie francese è Emily in Paris. Una neolaureata americana non perde l’insperata occasione di uno stage presso una casa francese di promozione di moda. Non conosce una parola di francese, eppure si lancia ostinata nei tentativi di trovare clientela per la ditta, pur essendo snobbata da tutto il personale, in particolare dalla caporeparto a cui è stata affidata, che non la sopporta e non digerisce i suoi successi fortunosi nell’acquisire nuovi clienti. Il meglio della commedia francese in questa serie.

Ovviamente abbondano e sono molto varie le serie degli Stati Uniti.

Tredici non è certo allegro, visto che 13 sono le ragioni mostrate in altrettanti video (ed episodi) da una studentessa che, prima del suicidio, lascia in eredità ai suoi compagni. Ce ne è abbastanza per essere tutti lacerati dai sensi di colpa, persino il ragazzo perdutamente innamorato di lei, anche se la ragione non è neppure dalla parte di lei; in ogni caso il racconto non è moralistico, né banale.

Anche Skins mostra ragazzi di una scuola superiore americana, i loro drammi e il loro disagio. Ci sono ragazzi di tutte le specie, bulli predatori come un ragazzo talmente coscienzioso, da dover guarire dalla pretesa di aiutare tutti.

Riverdale è un’altra serie di scuola superiore americana, ma inserita in una cittadina in cui esistono rivalità sociali ed economiche tra gruppi di abitanti, che rendono la convivenza assai più drammatica.

Pretty Little Liars, narra soprattutto segreti di ragazze liceali assai meno innocenti di quanto non appaiano sulle prime.

E a proposito di segreti e pettegolezzi, prima a scuola, poi a livello universitario, propongono molti colpi di scena le stagioni di GossipGirl, il titolo del giornale scolastico che ama rivelare particolari inquietanti di questi adolescenti. Ma la serie merita interesse perché descrive la distanza economica e sociale tra una elite estremamente ricca, ma anche moralmente disinvolta, e il resto della società sostanzialmente onesto, ma continuamente attratto (e respinto) da quella elite.

In tempi di elezioni presidenziali, consiglio anche The politician (2 stagioni) che ha per protagonista un ragazzo che, fin da bambino, si è messo in testa di diventare presidente degli Stati Uniti, una pretesa meno assurda e pretestuosa di quanto appare se si tien conto dello spirtito competitivo americano. Tappa obbligata è diventare rappresentante degli studenti liceali.

 La competizione è serrata e gli inganni e le trappole che si tendono gli aspiranti sono esilaranti. E’ come una estensione, garantita dallo spettacolo audiovisivo, del racconto di Edgar Alan Poe in cui, in un dialogo, uno deve rispondere in modo inatteso da parte dell’altro. Ma siccome l ‘altro è altrettanto furbo e si attende una risposta spiazzante, il primo è indotto a proporre la risposta più ovvia. Ma anche l’altro può ripercorrere il ragionamento e …così via.

 Qui quello che ne esce fuori con le ossa rotte è il discorso pubblico dei politici americani, insieme al loro political correct, e al linguaggio di condivisione di cui parla a vanvera, scimmiottando, il nostro Zingaretti.   La stagione seconda è dedicata alla seconda tappa del Politician, diventare senatore nello stato di New York, una guerra ancora più insidiosa, tanto più che persino la madre, dai gusti erotici molto sofisticati, è impegnata dall’altra parte del paese in California nella medesima impresa.