Tutti gli articoli di Luigi Turco

Una puntata insolitamente interessante

Più volte ho ricordato, polemicamente, che l’Italia sembra essere più che una repubblica fondata sul lavoro, una repubblica fondata sui morti ammazzati.

E può darsi che prima o poi mi decida a proporre un articolo brutale, e persino crudele, dedicato esclusivamente alla raccapricciante speculazione che la propaganda politica compie sul numero e le modalità delle morti almeno da settanta anni  nel nostro paese.

La Rai è oggi impegnata a celebrare il 40° anniversario del terremoto dell’Irpinia, il terremoto più grande riscontrato in Italia negli ultimi 120 anni, dal tempo del terremoto di Messina, per numero di morti, quasi 3 mila, numero dei feriti oltre 8mila, numero delle case distrutte oltre 250mila.

Molto opportunamente Paolo Mieli ha voluto dedicare la puntata odierna della sua rubrica quotidiana ‘Passato e Presente’ al terremoto dell’Irpinia.  E la puntata si è rivelata tra le migliori che Paolo Mieli ci ha proposto su argomenti affrontati dal punto di vista storico sul passato recente.

Osservo che non sempre le puntate mi sono sembrate felici proprio sugli argomenti più recenti. Ci sono anche lacune sorprendenti. Che io ricordi, non una sola puntata è stata dedicata alla rivoluzione francese in un periodo in cui in Italia si è approvata con referendum la riduzione del numero dei parlamentari e si sta discutendo alla camera la riforma del parlamento.

Il merito principale della puntata odierna va allo storico interpellato  Giovanni De Luna, il quale ha esordito con due fondamentali osservazioni: la prima, che proprio nelle grandi catastrofi si rivela il carattere e la condizione politica di un paese, la seconda, che ogni terremoto italiano ha avuto una propria storia specifica.

Da questo punto di vista il terremoto dell’Irpinia ha rivelato innanzitutto l’estrema povertà, insieme alla grande solidarietà della sua popolazione.

La prospettiva è subito servita a contraddire un luogo comune proposto da Paolo Mieli, e cioè che lo Stato italiano sia sempre più sollecito a intervenire nel settentrione, come era accaduto nel terremoto del Friuli, che nel meridione.

In proposito, alcuni aspetti sono stati appena sfiorati o suggeriti dalle immagini: la posizione assolutamente impervia del paese, la fragilità delle sue strutture edilizie, la mancanza di vie di comunicazioni che in parte spiegano la differente situazione.

L’intervento di Sandro Pertini nelle zone terremotate, il suo duro attacco alla maggioranza politica che in dieci anni dalla costituzione della Protezione civile non aveva fatto nulla per renderla operativa  sono stati ricordati.

Ma si è detto anche che si deve a Pertini il cambiamento di ruolo e di importanza della Presidenza della Repubblica in Italia. In quella circostanza non mancò di assestare un duro colpo alla democrazia cristiana, di cui anche Enrico Berlinguer cercò di trarre profitto.

Mieli ha osservato che vennero aperte 137 inchieste da parte della magistratura, da cui peraltro nel  2002 tutti uscirono assolti, colpa della prescrizione secondo Mieli, mai della magistratura. Ha difeso però il povero Ciriaco De Mita attaccato da destra e da sinistra, essendo il principale boss democristiano dell’Irpinia.

Paolo Mieli ha ricordato che Oscar Luigi Scalfaro aveva organizzato e presieduto la commissione parlamentare sugli scandali derivati dal terremoto, ma non ha sottolineato abbastanza che quella funzione gli valse la presidenza della Repubblica, sia pure grazie anche al supporto ricevuto da Marco Pannella (il quale si è scusato per le ingiuste accuse mosse al Presidente Giovanni Leone, ma mai si è scusato per il secondo abbaglio).

Giovanni De Luna ha anche insistito sull’entità dei miliardi (30 o 50) dedicati alla ricostruzione, sottolineando tuttavia, da un lato, che in nessun modo si era provveduto a dotare la zona di strutture industriali capaci di fornire sostentamento alle popolazioni rimaste, dall’altro, che la zona beneficiata si era enormemente allargata fino a comprendere non  solo il salernitano ma anche l’intera Napoli.

E’ proprio da questi interventi assistenziali che si è avvantaggiata e rafforzata la camorra, dopo essere enormemente cresciuta, al pari di Mafia, Ndrangheta, ecc., negli anni sessanta e settanta del boom edilizio italiano.

Una piccola testimonianza in proposito: anche il Vomero negli anni sessanta e settanta ha subito un enorme sviluppo edilizio.  Fino al 1980 tuttavia dominavano ancora intonaci scrostati dei vecchi edifici, crepe e degrado nelle nuove costruzioni. Dopo il terremoto dell’Irpinia il suo patrimonio edilizio si è completamente rinnovato.

Per tornare alla premessa di questo articolo cito una dichiarazione del 19 novembre: “O i Benetton se ne vanno o va revocata subito la concessione. Se ne discuta nel prossimo consiglio dei ministri”. “Il governo ha una responsabilità davanti ai cittadini. Il Movimento 5 stelle ha preso degli impegni con le famiglie delle vittime del Ponte Morandi e li vuole rispettare”.

Qualunque sia la responsabilità della famiglia Benetton e della concessionaria autostrade, trovo grottesca questa dichiarazione del ministro degli esteri Luigi Di Maio, questo modo di fare politica, e condivido tutto  il disagio che ha dimostrato di recente il Presidente della Campania, Enzo De Luca, nei confronti di questo ‘ducetto’.

Netflix 3

NETFLIX 3

1 Tra le serie americane ricordate in Netflix 2 ho dimenticato di segnalare Sex Education (2 stagioni) ed è un peccato, perché è molto divertente.

Può capitare che, tra liceali, nel difficile approccio sereno e ragionevole alle relazioni amorose, lo studente più inibito, diciamo pure terrorizzato dalle proprie pulsioni sessuali, possa diventare il confidente di compagni e compagne, con tanto successo da fornire consigli a pagamento?

Certo che no! Ma capita in questa serie in modo esilarante, a spese della psicologia, degli psicologi e di tutti i consiglieri scolastici dei licei americani.

2 Penso che i sudcoreani stiano diventando veramente bravi nel vasto campo delle arti visive. Ho visto da poco un film che si chiama in inglese Seoul Searching. Dal tempo della guerra di Corea e anche prima è avvenuta una fuga di massa dalla Corea nelle forme più disparate.

 Nel 1986, in un esperimento vero se non erro, il governo sudcoreano ha organizzato dei campi estivi per indurre i ragazzi coreani figli di rifugiati a ritrovare le proprie radici culturali. L’inizio è catastrofico: perché questi ragazzi non hanno nulla, ma proprio nulla, di coreano, e del resto l’oblio è stata spesso una condizione per la sopravvivenza.

Il film è divertente, ma anche i suoi momenti toccanti e ha il grandissimo pregio di narrare un tema non solo coreano, che riguarda tutti gli emigrati della terra. Un esempio per i tanti: può un ragazzo totalmente Punk scoprire che la severa educazione che sta ricevendo in Inghilterra da suo padre non è una manifestazione d’odio, ma di affetto?

3 Nel mondo asiatico, in India come in Cina, il matrimonio non è il (presunto) coronamento di una vicenda amorosa come nel nostro mondo, ma un affare di famiglia. Nei ceti benestanti coreani, per dirla tutta con franchezza, è un business, in cui non entrano solo prospettive economiche, ma anche livelli di prestigio sociale.

Se dell’India conosciamo il tema delle spose bambine e dei matrimoni combinati dai genitori, in Corea il problema è affrontato più tardi, diciamo dopo i sedici anni. One spring night racconta di una ragazza fidanzata, e in procinto di sposarsi, che incontra per caso uno splendido ragazzo in una farmacia notturna. La loro vita ne è sconvolta, perché il rapporto è problematico anche per il farmacista.

 Ciò che rende superlativa la serie è la lotta tra l’intimo innamoramento della coppia e le rigide regole della vita matrimoniale e prematrimoniale coreane. Non sono regole esterne, ma interiorizzate da tutti i bravissimi attori della serie.

Un incauto recensore italiano ha trovato esagerati gli ostacoli affrontati dalla coppia. Ma un’amica coreana mi ha spiegato, almeno quindici anni fa, che esiste una vera pressione ambientale, al punto che una ragazza di 24 o 25 anni che non sia sposata è considerata una zitella, come forse accadeva da noi un secolo fa, e che la lingua coreana contempla parole diverse per indicare l’arredo della stanza del padre da quella dei figli.

Cito solo un esempio, che si potrà facilmente trovare in Internet. Mentre noi abbiamo un solo termine per designare un cognato, i coreani ne hanno ben tredici che precisano la relazione di parentela; ciò che implica quindi una concezione ben più ampia e complicata della famiglia.

In breve, non ci sono soltanto Montecchi e Capuleti in grado di rendere immortale un amore. Le vicende di questo innamoramento è un’autentica gara ad ostacoli e di bellezza fra i due protagonisti – se per bellezza intendiamo, come oggi, quella che si suggerisce parlando di una ‘bella persona’. In un ambiente per di più ricco di solide amicizie.

Un’amica non solo ha sentito il bisogno, dopo qualche episodio, di ringraziarmi vivamente per averle segnalato la serie; a serie conclusa suo marito mi ha poi telefonato preoccupato, perché la moglie vorrebbe trasferirsi in Corea.

Scherzi a parte, a mio avviso c’è un filo immaginario che collega una serie perfetta come questa al modo esemplare con cui i sudcoreani hanno affrontato il coronavirus. Al punto che mi sento razzista alla rovescia: invidio questi 51 milioni di sudcoreani che vivono in fondo a una penisola estesa come un terzo dell’Italia, con una densità demografica che supera di un quinto quella dell’affollata Lombardia.

Francamente, nel confronto, mi vergogno non poco di essere italiano: per il governo che ho e per la gente che ho intorno.

Netflix 2

Ho detto che Netflix ha un buon numero di serie coreane, cinesi, giapponesi. Personalmente ho apprezzato serie romantiche con protagonisti giovani. Potranno sembrare piuttosto sdolcinate, ma a me piace il loro ritmo e anche la loro particolare concezione estetica, della natura come delle persone. Potrei sbagliarmi del tutto, ma ho come l’impressione che le serie siano tutte condizionate, in senso positivo, dalla tradizione teatrale cinese o giapponese, quasi che gli eventi vadano narrati rispettando rigide regole formali, come quadri da ammirare, ma anche su cui meditare.

Tra le prime che ho apprezzato è Meteor Garden: i protagonisti sono ragazzi e ragazze che frequentano l’università. Anche qui, come nelle analoghe serie americane, ci sono ragazzi o ragazze più o meno adorati o idolatrati dalla maggioranza, ma i fighi americani sono spesso bulli atletici e sprezzanti, qui invece, in apparenza schizzinosi e distanti, rivelano le migliori qualità umane. E’ una sola stagione, ma di 49 episodi.

In questo momento sto guardando una serie dal titolo strano, ma azzeccato: It’s okay to not be okay. Anche qui c’è una lunga storia di innamoramento che avanza lentamente tra molti ostacoli. Ma l’ambiente è quello di un piccolo ospedale psichiatrico, il cui direttore non ha nulla di convenzionale. La protagonsita è una scrittrice di favole per bambini di grande successo; è molta bella, ma dispotica ed egocentrica; le sue favole contraddicono le più note favole della tradizione, come significato e come illustrazione.

Tutta la vicenda è all’insegna della contraddizione, non solo rispetto all’universo della fiaba, ma anche rispetto all’universo della malattia mentale. Ha una sua lentezza e non permette il binging, va gustata a piccole dosi. Ma solo in una serie asiatica potrete vedere amanti o aspiranti tali, guardarsi in volto immobili per lunghi minuti, e riproposti, alla fine di ogni episodio, in momenti significativi della vicenda.

Assai più mosso nel suo ritmo è Crash landing on you. Narra di una ricca, giovane e lanciatissima stilista, appasionata di deltaplano. Piuttosto temeraria, si ostina a volare malgrado l’imminenza di un uragano, che la porterà a varcare la soglia del 42° parallelo e atterrare tra le braccia di un solerte capitano che vigila con la sua pattuglia su eventuali ingressi di spie sudcoreane.

I momenti divertenti sono tanti, ma l’aspetto più apprezzabile è la garbata ironia con cui si descrive la vita quotidiana dei poveri nord coreani; a cominciare da una paradossale parata di donne che vanno al lavoro inneggiando al comunismo. Nel seguito non mancano le critiche e le ironie sullo stile di vita sudcoreano.

Un grandissimo successo spagnolo, che in molti modi risente della lezione almodovariana, è la Casa di Carta. La rapina del secolo consiste nell’occupazione della Zecca di stato, con ladri che possono stampare moneta assolutamente legale. Ricca di colpi di scena, non è solo una serie di azione. Vi renderete conto seguendola che è anche una descrizione di tante e diverse vicende amorose.

Una deliziosa serie francese è Emily in Paris. Una neolaureata americana non perde l’insperata occasione di uno stage presso una casa francese di promozione di moda. Non conosce una parola di francese, eppure si lancia ostinata nei tentativi di trovare clientela per la ditta, pur essendo snobbata da tutto il personale, in particolare dalla caporeparto a cui è stata affidata, che non la sopporta e non digerisce i suoi successi fortunosi nell’acquisire nuovi clienti. Il meglio della commedia francese in questa serie.

Ovviamente abbondano e sono molto varie le serie degli Stati Uniti.

Tredici non è certo allegro, visto che 13 sono le ragioni mostrate in altrettanti video (ed episodi) da una studentessa che, prima del suicidio, lascia in eredità ai suoi compagni. Ce ne è abbastanza per essere tutti lacerati dai sensi di colpa, persino il ragazzo perdutamente innamorato di lei, anche se la ragione non è neppure dalla parte di lei; in ogni caso il racconto non è moralistico, né banale.

Anche Skins mostra ragazzi di una scuola superiore americana, i loro drammi e il loro disagio. Ci sono ragazzi di tutte le specie, bulli predatori come un ragazzo talmente coscienzioso, da dover guarire dalla pretesa di aiutare tutti.

Riverdale è un’altra serie di scuola superiore americana, ma inserita in una cittadina in cui esistono rivalità sociali ed economiche tra gruppi di abitanti, che rendono la convivenza assai più drammatica.

Pretty Little Liars, narra soprattutto segreti di ragazze liceali assai meno innocenti di quanto non appaiano sulle prime.

E a proposito di segreti e pettegolezzi, prima a scuola, poi a livello universitario, propongono molti colpi di scena le stagioni di GossipGirl, il titolo del giornale scolastico che ama rivelare particolari inquietanti di questi adolescenti. Ma la serie merita interesse perché descrive la distanza economica e sociale tra una elite estremamente ricca, ma anche moralmente disinvolta, e il resto della società sostanzialmente onesto, ma continuamente attratto (e respinto) da quella elite.

In tempi di elezioni presidenziali, consiglio anche The politician (2 stagioni) che ha per protagonista un ragazzo che, fin da bambino, si è messo in testa di diventare presidente degli Stati Uniti, una pretesa meno assurda e pretestuosa di quanto appare se si tien conto dello spirtito competitivo americano. Tappa obbligata è diventare rappresentante degli studenti liceali.

 La competizione è serrata e gli inganni e le trappole che si tendono gli aspiranti sono esilaranti. E’ come una estensione, garantita dallo spettacolo audiovisivo, del racconto di Edgar Alan Poe in cui, in un dialogo, uno deve rispondere in modo inatteso da parte dell’altro. Ma siccome l ‘altro è altrettanto furbo e si attende una risposta spiazzante, il primo è indotto a proporre la risposta più ovvia. Ma anche l’altro può ripercorrere il ragionamento e …così via.

 Qui quello che ne esce fuori con le ossa rotte è il discorso pubblico dei politici americani, insieme al loro political correct, e al linguaggio di condivisione di cui parla a vanvera, scimmiottando, il nostro Zingaretti.   La stagione seconda è dedicata alla seconda tappa del Politician, diventare senatore nello stato di New York, una guerra ancora più insidiosa, tanto più che persino la madre, dai gusti erotici molto sofisticati, è impegnata dall’altra parte del paese in California nella medesima impresa.

NETFLIX

La pandemia ci costringe a casa soprattutto a sera e dopo cena. Tanto vale parlare di un’ottima risorsa. Mi rivolgo soprattutto a quelli che non ne sanno ancora nulla e sono tanti.

Non so che cosa ne pensino gli altri, ma io divento sempre più indisposto verso programmi televisivi colmi di pubblicità. E’ una perversione insopportabile proporre un film decente, senza interruzioni per 20/30 minuti, colmarlo progressivamente di inserti pubblicitari, via via che ci si avvicina alla fine.

La Rai in particolare è colpevole di sadismo. Qualche esempio: aggiungere in  Rai play inserti pubblicitari non è giustificabile, visto che trasmette programmi archiviati; proporre a Rai2 episodi di serial polizieschi, nei tre quarti d’ora che precedono il Telegiornale della sera, dedicando 30’ minuti all’episodio di turno e 15’ minuti alla pubblicità. Non aggiungo altro, perché non vedo altro.

Tra l’altro, gli inserti pubblicitari sono anche regrediti dal punto di vista della novità e dello stile. L’ultimo davvero sorprendente e piacevole che io ricordi è stato proposto da Air France: in un vasto salone nobil donne d’altri tempi si dondolavano su numerose altalene collocate molto in alto, al suono di una musica rilassante. Geniale, perché suggeriva volo, conforto, piacere e persino privilegio. Persino colto, visto che nel Settecento l’altalena era un rimedio all’isterismo e non poteva mancare nei giardini signorili. Ben presto, purtroppo, è stato rovinato sostituendo ragazzotti d’oggi alle dame belle ed eleganti. Una idea sciocca, probabilmente di manager preoccupati per la concorrenza dei voli low cost.

Già altrove ho suggerito che, rispetto alla riduzione del numero dei parlamentari, un risparmio assai più significativo si sarebbe potuto ottenere per tutti gli italiani, abolendo il canone Rai, non giustificato neppure dalla qualità e imparzialità del servizio pubblico.

Dunque, è da qui che vorrei cominciare: Netflix propone ore di intrattenimento vario e piacevole e niente pubblicità. A che prezzo? Attualmente è un po’ cresciuto, 12 euro al mese, 144 all’anno. Più caro, dunque dei 108 euro della Rai? Niente affatto, perché un solo abbonamento è fruibile da tre famiglie diverse abitanti anche a distanza, se non sono cambiate le regole.

Il prezzo è basso, perché, soprattutto in America, c’è molta concorrenza tra PayTV: Hulu, Disney, Prime Video, CBS, e le nuove HBO Max, Peacock della NBC, per citarne alcune.

Quindi, se ci si abbona a Netflix, si dimostra anche impegno politico e civile, perché automaticamente si abbassa l’audience della Rai.

Per chiarire che ‘non mi manda Netflix’, avverto subito che non apprezzo, invece, la proposta di abbonarsi a Skai e Netflix per soli 19 euro al mese. Attenzione a quel che non vien detto, ma è scritto: ‘per il primo anno’. Sono trappole!

Tra i pregi di Netflix metterei al primo posto la capacità di acquistare o produrre serie o film in ogni parte del mondo. In questo modo con Netflix apriamo i nostri orizzonti. Mentre molte serie americane sono state acquistate e noleggiate dalla Rai, per esempio, il mondo asiatico ci è quasi completamente sconosciuto.

Netflix ha cura di proporre film e serie dei singoli paesi, soprattutto europei: cinema spagnolo, francese, inglese, tedesco, italiano, come, ovviamente, divisi per genere: horror, poliziesco, d’azione, romantico, commedia, dramma, per famiglia, ecc. Film e serie sono doppiate o sottotitolate nella lingua selezionata dall’utente.

Anzi, per la precisazione, il programma chiede, automaticamente, il nome della persona, nel gruppo degli utenti relativo all’abbonamento, che vuole connettersi a Netflix; prima di tutto per distinguere bambini e adulti, ma anche perché conserva memoria dei gusti di ciascuno, suggerendo spesso titoli di ‘altri contenuti simili’.

Dedico spesso la serata dopo cena agli spettacoli di Netflix. Ne segnalo alcuni, cominciando dalle serie che ho apprezzato particolarmente. naturalmente, in base ai miei gusti e alle mie idiosincrasie.

Nelle riviste americane, come Time, si trovano spesso recensioni di bingeworthy shows (può darsi anche in quelle italiane, ma non le compro). Intanto spiego il neologismo: spettacoli degni di binging.

Il binging è il passatempo di chi, per esempio il sabato o la domenica, non guarda soltanto uno o due episodi di un serial, ma persino una intera stagione, ore e ore di visione. Un uso un po’ perverso, si dirà, ma diffuso e particolarmente gradito in tempo lockdown.

Come prima serie, segnalo Stranger things, apprezzata da tutti, con una bambina protagonista di una bravura incredibile e un’ambientazione notturna tra i boschi assolutamente particolare. La disperazione dipinta sul viso della bimba e la tristezza di un bosco disadorno si riverberano l’una nell’altro e forniscono lo sfondo della vicenda.

La storia contempla una risorsa datata della fantascienza, quello degli universi paralleli. Ma, lo dico soprattutto per chi non ama la fantascienza, non è una serie di fantascienza. Solitudine, paure, sfruttamento di bimbi, ma anche nuove amicizie e solidarietà, è quanto riserva la serie.

Aggiungo che questo titolo, più di ogni altro, dimostra che la narrazione a episodi è spettacolo assolutamente diverso dal film, dal teatro, dal teleromanzo in TV, determinato innanzitutto dalla sua durata, che è sempre arbitraria e connessa alla qualità della sceneggiatura, del regista, degli attori.

Il romanzo ottocentesco sta alle puntate pubblicate in precedenza nei magazzini popolari, come la stagione di un serial sta agli episodi trasmessi in TV. L’unità della narrazione è data dalla stagione, la durata è variabile, ma spesso si aggirano tra 8 e 16 episodi, di 30/50 minuti ciascuno.

La critica impietosa e talvolta persino radicale della democrazia, dei pregiudizi, del costume, delle storture della vita americana è quasi esclusivamente affidata al cinema americano, e credo che spesso sia il mezzo più efficace per cambiare giudizi e atteggiamento dei suoi cittadini.

Questa premessa per segnalare una serie di grande successo Orange is the new black. Se non sbaglio il titolo significa che l’arancione, il colore dei detenuti, è il nuovo nero, cioè il nuovo orrore. Val la pena di ricordare che in un paese di 330 milioni di abitanti, i detenuti sono 2 milioni e trecentomila.  Una percentuale analoga richiederebbe in Italia 420 mila detenuti.   L’ambiente è quello delle carceri femminili di minima sorveglianza, assai spesso private.

Protagoniste sono le detenute americane, spesso afroamericane o immigrate ispaniche, in competizione etnica, ma sempre proposte come persone con una personalità definita. C’è chi sostiene che, fin dalla prima stagione, questo mondo di donne emarginate ha cambiato l’intera TV americana. Ovviamente la polizia penitenziaria non ci fa una bella figura, peggio ancora quanti speculano sulla detenzione carceraria.

Dicono che la serie italiana della Piovra abbia cambiato l’atteggiamento di molti italiani nei confronti della mafia. L’arancione è il nuovo nero potrebbe cambiarlo nei confronti della reclusione carceraria. Per dire, durante il lockdown di questo inverno l’interruzione sine die dei colloqui con familiari, amici, avvocati – l’evento più importante e più atteso dai carcerati – apparirebbe per quello che è veramente stato: una stupida e incivile iniziativa autoritaria di governanti sprovveduti.

Personalmente ho visto in TV persone lamentarsi della chiusura delle RSA. Non mi pare che qualche marito o moglie, figlio o figlia di detenuto sia riuscito a esprimere il proprio disagio in TV. Ho visto piuttosto scene raccapriccianti di repressione, richieste indignate di raddoppiare le pene di quanti hanno partecipato alla rivolta violenta e distruttiva, nessuna protesta per reazioni assolutamente prevedibili.

Eppure, l’Italia è stata richiamata più volte da autorità europee per condizioni di vita inaccettabili nelle nostre carceri, persino per detenuti di mafia; l’indifferenza della maggior parte degli italiani dovrebbe far riflettere sul nostro livello complessivo di inciviltà: gente che non sopporta la mascherina sul viso, o la restrizione della propria libertà di movimento o di frequentazione, non si è mai fermata un secondo a considerare la vita quotidiana di un recluso.

Forse nessun’altra serie ha tanta potenzialità di progresso civile per gli spettatori. Disegna senza moralismi e buonismi, in modo crudo ma coinvolgente, una realtà che ci è estranea e indigesta.

La condanna di Alemanno

E’ di ieri, 24 ottobre 2020, la notizia che Alemanno, ex leader del movimento sociale italiano ed ex sindaco di Roma, è stato condannato in appello a 6 anni di carcere per corruzione. Bene, è appena cominciata la gara per le elezioni del sindaco di Roma, si affacciano le prime candidature, Virginia Raggi, Carlo Calenda, Guido Bertolaso, e quindi ci voleva per completare il quadro il tradizionale intervento a gamba tesa della magistratura.

Un instancabile garantista, come il direttore del Il Riformista, Piero Sansonetti, non poteva perdere la buona occasione per un durissimo attacco alla magistratura. Se quanto sostiene in un video è veritiero, difficilmente si potrà affermare che non si tratti di sentenza politica, di sentenza politica da tribunale speciale, come dice lui. Premesso di essere un comunista e non certo un estimatore di Alemano, Sansonetti considera la sentenza ‘piena di misteri’ per i seguenti motivi:

 1) l’entità esorbitante della pena, per un’accusa di corruzione quantificabile in 200/250 mila euro, una pena che normalmente si dà per il reato di stupro.

 2) l’accusa ha chiesto una pena di 3 anni e 6 mesi, la Corte, dopo soltanto mezzora di camera di consiglio, ha raddoppiato la pena.

Alemanno era imputato nel grande processo Mafia capitale, a tutti noto, che ha come protagonista (e condannato) Salvatore Buzzi. La posizione di Alemanno è stata poi stralciata per un processo a parte. Il dolo consisterebe in una cifra di 250 mila euro, di cui per altro soltanto una parte sarebbe finita in una fondazione che fa capo al movimento sociale.

3) la sentenza rappresenta una sfida alla Cassazione, perché il processo di Mafia Capitale ha già superato i tre gradi di giudizio e la Cassazione ha sentenziato che non c’è stata corruzione, ma solo traffico di influenze. (il massimo della pena previsto per il primo reato è di sei anni, mentre per il secondo è solo tre anni e sei mesi).

4) la cifra di circa 260 mila euro in questione non è pervenuta direttamente ad Alemanno, ma è stata consegnata a un intermediario, Franco Panzironi, allora amministratore delegato dell’azienda di raccolta dei rifiuti Ama,e lo stesso Buzzi ha sostenuto in processo che la somma non sarebbe andata ad Alemanno.

Francamente conosco ben poco dell’inchiesta su Mafia capitale, né ho certo voglia di addentrarmi nei dettagli del processo. Per scrupolo tuttavia, mi sono andato a leggere il commento alla condanna di Alemanno de Il fatto quotidiano, l’esatto opposto de Il riformista di Sansonetti.

Il breve articolo ha una struttura chiara: la notizia della condanna, la reazione di Alemanno che si scopre corrotto sena corruttori, i dettagli dell’accusa, i riscontri delle dazioni illecite dei carabinieri del Ros, i favori restituiti in cambio dal Sindaco e dal Comune di Roma.

L’aspetto più dettagliato di questo articolo riguarda la questione di merito, cioè i soldi che Alemanno avrebbe ricevuto. Le cifre del Ros sono precise: si tratta di 198.500 euro + 25.000, che fanno esattamente 223.500 euro.

Questi soldi sarebbero pervenuti tra il 2012 e settembre 2014; da dove? da ‘soggetti riconducibili a Buzzi’ (e Il Fatto Quotidiano elenca ben 6 cooperative) e ‘due soggetti economici’, che non sono riconducibili a Buzzi, ma (udite udite) ‘che in qualche modo, secondo gli inquirenti, agivano in accordo con il ras delle cooperative‘, cioè Buzzi.

Detto così vuol dire che nessuno è riuscito a dimostrare un piffero sui due soggetti economici, mentre le loro somme sono 60.000+15.000 = 75.000. Quindi 198.500- 75000= 123.500.

Questa somma, precisa il Ros, versata dal 4 gennaio 2012 al 3 settembre 2014. Se togliamo dalle cooperative che fanno capo a Buzzi, Formula sociale di cui riporta un bonifico regolare di 10 mila euro, restano113.500 euro.

Cioè Alemanno in tre anni si porta a casa una somma pari al canone Rai di un anno. Senonché il resoconto non può terminare qui, perché, stando sempre alla versione de Il fatto Quotidiano, secondo l’accusa, ‘una parte consistente dei soldi sarebbe arrivata nell’ottobre’, quindi da sottrarre dai 113 mila euro in tre anni.

Ma poiché Alemanno è stato condannato non solo per corruzione, bensì per corruzione e finanziamento illecito, vuoi vedere che Alemanno, come Marino del PD e tantissimi altri, è stato accusato di comprarsi le mutande con il Bancomat del suo partito?

A parte il pasticcio creato da Il fatto quotidiano, nel tentativo di giustificare la condanna, resta il fatto incredibile di un corrotto senza corruttori.

E qui non bastano le parole scritte, ma è necessario il video di Sansonetti, quando, nella sua insostituibile cadenza romanesca, afferma, che Alemanno è condannato in quanto ‘è un corrotto, profondamente corrotto, intrinsecamente corrotto, perché è un sindaco, un fascista, un ministro, un politico’.

Riferendosi ai due processi, Sansonetti conclude sconsolato che ‘in Italia la stessa giustizia non può stabilire ‘che una persona non ha commesso un reato e poi che ha commesso un reato’, e con il caso Palamara.

Cosa c’entra Palamara? Ma perché Palamara e Magistratopoli – esclama Sansonetti – ha dimostrato che la giustizia è la giustizia delle correnti, non riguarda l’illegalità e tanto meno la ricerca del vero.

Quando incontro circostanze che confermano quanto ho sostenuto in passato sono contento, non solo perché forse non ero in errore, ma forse avevo anche ragione a guardare più lontano.

Avevo scritto che in Italia la stessa persona in flagranza di reato viene condannata a Roma e assolta a Bologna. Nulla di strano, perché la famosa separazione dei poteri non è intesa come indipendenza dal potere politico o legislativo, ma come indipendenza di ogni magistrato.

Un’altra volta, avevo anche fatto un test tra amici,chiedendo se fosse più colpevole il corruttore o il corrotto, e tutti non hanno esitato a rispondere il corrotto, perché senza corrotti non ci sarebbero corruttori.

Quindi, caro Sansonetti, ha ragione la Corte d’appello e ha torto la Cassazione. Tanto più che il caso Palamara dimostra che più si va in alto e più l’illegalità e probabile. E qui i tre magistrati della Corte d’Appello potrebbero, come Saverio Borrelli, invocare la Resistenza.

C’è caso, caro Sansonetti, che forse la radice del problema non sia neppure soltanto Tangentopoli e la giustizia politica, bensì il sistema giudiziario. E a me, che a furia di studiare i filosofi, un po’ di filosofia mi è entrata in zucca, pare che alla radice del problema ci possa essere il carattere intrinseco del sistema giudiziario.

Che cosa? Ma è perché è il tappo dei tappi, è un sistema autoreferenziale. Poniamo che, per condannarlo, la Corte abbia affermato cose palesemente non vere. Che cosa può fare Alemanno se non ricorrere in Cassazione?

E’ questa, quella che ho appena chiamato il tritacarne, la macchina ferrigna della giustizia. Tutt’altro sarebbe, se Alemanno potesse far causa ai giudici delle Corte d’appello.

Ciò vale nel Penale come nel Civile (a dimostrazione che è un difetto del sistema). Se una persona viene condannata perché in sentenza il giudice asserisce il falso, non può citarlo in giudizio, può soltanto ricorrere in appello.

Si dirà, ma Palamara verrà giudicato a Perugia. Ma si tratta di altro reato. Contro la sentenza della Cassazione che lo ha radiato dalla magistratura, anche lui non può che far ricorso a un grado superiore di giudizio. E la corte superiore, in ogni caso, non potrà sanzionare, in alcun modo sostanziale, i magistrati della Cassazione che lo hanno condannato.

Palamara

Da giovane, un bel mattino, mentre attraversavo col verde un semaforo in uno stretto crocevia cittadino, l’anziano autista di un autonoleggio ha speronato la mia auto a cinquanta allora da sinistra, colpendo per buona sorte il vano motore, e non me.

Strani e disconnessi i ricordi: io a testa in giù, infilata nel vano per i piedi del sedile destro, dentro un’auto coricata su di un fianco, ma rombante, un professore che conosco solo di nome, lì per caso, che rampogna l’incauto e assonnato conducente, una radiografia di controllo in un ospedale prossimo alla Stazione di Bologna, un centro a quei tempi dedicato agli infortuni sul lavoro.

Ed è lì che, nelle attese, sono venuto a conoscenza di un infortunio non raro tra i macellai. Talvolta, dita, mani e braccio si aggrovigliano tra le spire del tritacarne elettrico, e ricevono soccorso con l’intera pesante macchina ferrigna attaccata al braccio.

Questa immagine impressionante mi si è ripresentata nel dormiveglia, ripensando alla condanna di Palamara: incauto macellaio incollato alla pesante macchina della giustizia da un trojan infilato per l’occasione nel suo cellulare.

Due anni sono bastati per la ricostruzione del ponte di Genova, sono una inezia invece per l’indagine della magistratura locale (ma questa è un’altra storia, da includere nella rubrica ricatti), altri crolli di ponti ostruiscono percorsi fluviali, così come scale mobili crollate, nel metro romano, attendono per essere sostituite i tempi delle procure.

Al contrario, la rapidità del processo a Palamara può riempire di orgoglio la banana republic, mostrando che quello che non si compie in anni, può essere compiuto in un paio di giorni. I giudici di cassazione hanno radiato dalla magistratura Palamara, il più giovane vicecapo del Consiglio superiore della magistratura (Capo è il Presidente della Repubblica, più onorario che attivo).

E che fa Palamara, lui che dall’inizio ha sostenuto di non voler essere il capro espiatorio di un sistema collaudato di governo della magistratura, e che aveva richiesto 100 e passa testimoni, per riceverne sei?

Ebbene proclama il suo attaccamento alla toga, che è nato magistrato e magistrato morrà (sacerdos in eternum), che rispetta la sentenza, perché ‘le sentenze vanno rispettate’, che attende di leggere le motivazioni (30, 60, 90 giorni? Chi scrive non se ne intende) per esperire tutti i procedimenti di ricorso, se capisco bene alla Cassazione a camere riunite, e poi alla Corte Costituzionale, e infine alla Corte Europea.

Ecco il senso del mio sogno. Ecco la macchina ferrigna della giustizia. Solo, come accade nei sogni, le cose procedono al contrario. La macchina della giustizia ha le sue spirali volte all’insù, ma Palamara non arresta il motore e infila le mani sempre più dentro, sempre più in alto.

Possiamo immaginare come andrà a finire. La cassazione a camere riunite liquiderà la faccenda assai più rapidamente, come dettato dalla procedura (la giustizia più si sale e più è sbrigativa), la consulta dichiarerà inammissibile il ricorso evitando la noia di pronunciarsi, il ricorso all’Europa farà la sua lenta agonia negli affollati scaffali della Corte europea (che, immagino, non si attivi mai, se non ci sono interessi economici in gioco).

Salvo le debite eccezioni, il processo è stato considerato una farsa, e la farsa una necessità, se si vuole far dimenticare in fretta come funzionano il CSM e le correnti della magistratura; non uno scandalo perché il sistema non è una scoperta per nessuno.

Un incidente di percorso della procura di Perugia, che, se vuol condannare per corruzione Palamara, deve per forza riferirsi a cene come quella che vede Palamara e altri cinque membri del CSM discutere di candidature di procuratori romani con due politici, uno dei quali inquisito a Roma per analoghi motivi.

Mi tengo sul vago apposta, senza far nomi che pur son noti, perché non mi interessano i rei, ma, al solito il sistema, e la novità, rispetto alle intercettazioni del passato, del trojan che si insinua come un altoparlante nel cellulare di chiunque, stante l’obbligatorietà dell’azione penale.

Sicché, parlo da cittadino, perché abbiamo appreso che spetta al magistrato scegliere quali registrazioni sono inerenti o meno all’indagine; anzi molto peggio, perché spetta al magistrato decidere quando accendere o spegnere il trojan.

Chi mi ha letto in passato sa che circa la separazione tra i poteri o meglio dei conflitti tra i poteri penso che vinca sempre la magistratura, che insomma la magistratura faccia da tappo. Ora aggiungo: e che tappo! Basta inventarsi un reato con una lettera anonima per mettere nei guai chiunque esprima una qualsiasi opinione.

Naturalmente, chi ha voluto fermamente la legittimazione dei trojan nel processo, se non i Cinque Stelle, con in testa Bonafede, e gli ineffabili giornalisti de IL Fatto Quotidiano?

L’aspetto più bananiero della vicenda è che, secondo Palamara, il sistema è andato in tilt quando all’anzianità è stato sostituito il merito nella progressione della carriera. Giovani e meno giovani a quel punto si sono ritenuti meritevoli, i criteri meritocratici si sono moltiplicati, e il sistema si è enormemente complicato per accontentare tutte le correnti.

Leggi, Regole e Ricatti

Giorni fa nella rubrica quante storie di Rai3 a ora di pranzo è stato presentato un libro di Gherardo Colombo, Sulle regole. Gherardo Colombo, uno dei magnifici Tre nella stagione di mani pulite, è per Davigo una sorta di traditore e per Travaglio un convertito, visto che la sua principale occupazione è fare conferenze nelle scuole sulla costituzione e sul rispetto delle leggi.

Non ho seguito la trasmissione, ma ne ho colto alcuni spezzoni. Colombo ha detto tra l’altro: il Presidente della Repubblica è obbligato a firmare le leggi. Non è esatto, l’art. 74 della costituzione, salvo che l’abbiano cambiano nel frattempo, permette al Presidente di rinviare una legge alle camere con debita motivazione, anche se lo obbliga a firmare nel caso che la camera gliela ripresenti. Ed è giusto che sia così in una repubblica parlamentare. Pensiamo però, per esempio, se avesse rinviato alle camere il decreto semplificazioni che lo aveva tanto irritato. La camera avrebbe potuto rinviargli la legge, ma fuori tempo massimo. Il decreto sarebbe decaduto!

Ed è qui che possiamo cominciare a parlare di leggi, regole e ricatti. Perché il decreto-legge deve essere convertito in legge entro 60 giorni, ma nessuno obbliga Governo e Parlamento a inviarlo il 59° o 60° giorno, a meno che non intenda obbligare il Presidente della Repubblica a firmare immediatamente. Ecco il primo ricatto, un ricatto non da poco, visto che coinvolge Governo, Parlamento e Presidente della Repubblica.

Il nostro Presidente della Repubblica ama citare ad esempio comportamenti eroici e generosi, ultimamente quello di quattro bimbi che hanno soccorso un bambino sul punto di annegare. Molto bene, ma sarebbe bello trovare qualche comportamento eroico nelle alte sfere. Sarebbe stato eroico rinviare alle camere il deplorevole decreto semplificazioni.

Sarebbe stato eroico esprimere il proprio parere sulla riduzione del numero dei parlamentari; sarebbe eroico opporsi al ricorso alla fiducia ogni volta che il Governo vuole fare approvare una sua legge. Ecco che abbiamo incontrato un’altra specie di ricatto da parte del Governo.

C’è poi il Decreto Mille proroghe che si presenta l’ultimo giorno dell’anno, perché annienta il potere della opposizione. E siamo a tre specie di ricatti, tutte perpetrati dal potere esecutivo.

Scusandosi del ruolo assunto di avvocato del diavolo, il conduttore di Quante storie, a Colombo che raccomandava il pagamento delle tasse, ricordava che molte volte l’Agenzia delle Entrate è in difetto verso il contribuente. ‘Ma sa, commentava il dott. Colombo, c’è tanta evasione fiscale in giro’! Eh no, dott. Colombo, questo non giustifica assolutamente le angherie dell’Agenzia delle entrate verso i contribuenti onesti, lei sta raccomandando un ricatto, e non mi meraviglio affatto, visto che i magistrati ricorrono a certe armi di persuasione.

Ma non ci sono solo grossi ricatti commessi dai grandi e potenti. La polizia municipale, stradale, o statale, attende l’ultimo giorno utile (su 90 e più) per inviare gli avvisi di contravvenzione, di modo che o si paga subito usufruendo dello sconto o si deve l’importo intero della contravvenzione. Nuovo ricatto.

Naturalmente si può fare ricorso al prefetto. Ma se si perde si paga doppio. Perché mai, di grazia? se si ricorre è perché c’è un legittimo dubbio! No – obietterebbero i mal pensanti – così tutti farebbero ricorso (notare che i malpensanti sono tutti inclini alla frode).

Ma quale vantaggio sarebbe attendere di pagare qualche mese, in un paese in cui le banche non offrono una lira di interesse per i depositi dei clienti? E comunque perché proprio il doppio? Ogni ricorso in Italia è una puntata alla roulette: una probabilità di vincere contro due del banco. In qualsiasi paese sarebbe illegale: ecco un nuovo ricatto.

Ma c’è di più: L’attesa di tre mesi per contestare una contravvenzione, può obbligarvi a pagare anche 90 multe, quando una regola può trasformare in reato un diritto. Ed è notizia di oggi che i cervelloni del Cnen propongono di usare la posta certificata per consegnare le contravvenzioni. Al solito, meglio metter fretta ai cittadini, che alle autorità che li ricattano!

Un preludio, questo articolo, ad altre e più raffinate specie di ricatto.

LA REPUBBLICA DELLE BANANE 2

I giornalisti diversamente intelligenti e modesti de Il fatto quotidiano lanciano una campagna per una nuova legge elettorale e una raccolta di firme con un ottimo titolo: Ora i parlamentari vogliamo sceglierli noi.

Dove il noi sembra essere noi elettori, ma conoscendoli ormai da anni, significa noi de il fatto quotidiano.

Ma anche vuol dire guai a farli scegliere dai Partiti, con il che si ritorna alla vecchia solfa dell’antipolitica  e della vocazione manettara cara a Il fatto quotidiano. E si sa, l’unico partito che preferiscono è il movimento Cinque stelle, che nelle sue campagne elettorali considerava strame tutti gli altri partiti.

E, certamente, le liste bloccate sono uno schifo, i capi presenti in molte circoscrizioni, pure, ma guardiamo che cosa c’è toccato, come alternativa. Facciamo qualche nome? Di Maio, Fico, Gibba, Bonafede, e potrei continuare con gli altri esimi ministri, tutti scelti dal popolo, con un numero preferenze …. cinquecento ? novecento?

Ma non abbiamo un deputato, grazie a voi soprattutto, ogni 152.000 abitanti? E il deputato in una democrazia parlamentare, non sulla piattaforma  Rousseau, non li dovrebbe rappresentare tutti?

Non c’è cascato addosso, come piovuto dal cielo, Giuseppe Conte come presidente del consiglio con la sola preferenza, e reiterata, del comico Grillo? Un esempio di democrazia diretta, cioè diretta dal direttore.

E se andassimo alle urne senza dar retta a nessun partito, ma proprio nessuno, non possiamo esser sicuri che Giuseppe  Conte  sarebbe eletto con una valanga di voti , visto che il nostro servizio pubblico ce lo ha ammannito tutte le mattine e tutte le sere, di fronte e di profilo, immobile e nel suo quotidiano andirivieni nelle stanze di palazzo Ghigi?

  Oh, io una proposta ce l’avrei: alle prossime elezioni dovrebbe essere vietato a tutti gli attuali parlamentari di candidarsi, visto che tutti hanno votato una riduzione del numero dei deputati che non ha eguali in tutta Europa. Una eccezione la faremmo per la Bonino e i radicali, naturalmente.

Ma per essere seri, anche se la repubblica è la repubblica delle banane, con quali criteri Tizio, Caio, Sempronio dovrebbero scegliere il proprio candidato? E’ più facile scegliere Miss Italia o Miss Mondo!

Per la verità, di solito al mio seggio, leggo i nomi di tutte le liste e non conosco nessuno; ma poi penso a quelli che non ci sono e che conosco. Li vorrei votare? E perché?

Oppure potremo decidere: politici no, ma neppure magistrati, giornalisti, finanzieri, Ceo famosi, attori, EPPOI: neppure parenti di politici, magistrati, giornalisti, attori ……… oddio…e perché mai, come vogliono gli americani, gli influenzer? La quantità dei Like può essere un criterio ragionevole?

Vi lascio al vostro gioco scemo, quindi,….e non sottoscrivo.

Tanto litigheranno fino a fine legislatura e, una volta di più, le regole delle prossime elezioni saranno quelle dettate dall’attuale coalizione. Una prassi che piace tanto alla sinistra!

La repubblica delle banane

I conti di Giuseppe Conte, grande negoziatore.

Quando Giuseppe Conte è tornato da Bruxelles annunciando un accordo per il recovery Fund di 208 miliardi, 58 in più dei 150 sperati, i Cinque stelle lo accolsero in parlamento con una ovazione.

In realtà non era proprio un successone. L’attesa era 80 miliardi a fondo perduto, 70 miliardi da restituire dal 2027 in avanti. Adesso occorre restituirne 128 anziché 70.  Come dire che il prezzo degli 80 miliardi è quasi raddoppiato!

Adesso veniamo a sapere che c’era stato un tentativo di accordo a 170 miliardi, 80 + 90 da restituire, ma poi i nostri amici europei sono stati inesorabili. Se insistete per gli 80 dovrete restituirne 128 (per l’esattezza 81,4 e 127,4 per 208,8).  (EuropaToday, 21/07/2020).

La Spagna, il paese più sovvenzionato dopo di noi, riceverà 140 miliardi, 73 a fondo perduto, 63 come prestito. Guarda un po’ gli costano di meno, come pure alla Polonia, solo 38 poverina, ma gli costano solo 26.

Seguono 38,7 miliardi per Macron e 29 per la Merkel, ma solo a fondo perduto. Cioè gratis.

Seguono Danimarca 2,15, Olanda 6,7, Finlandia 3,4 Austria 4,04: i paesi frugali, anche loro premiati.

Tenendo conto di quello che dobbiamo versare, per la prima volta l’Italia incassa di più di quel che versa, 36  miliardi secondo i Cinque stelle, 26 secondo Calende. Speriamo che bastino per pagare gli interessi.

Ma come sono suddivisi i 750 europei? Originariamente 50/50. Adesso 390 a fondo perduto 360 come prestito. Facendo le somme: 67,7 regalo a Francia e Germania + 16,4 ai frugali = 84,1; 58 in più (che paghiamo noi) + 30 di aumento del finanziamento a fondo perduto = 88! Chissà se nel cospicuo staff di consulenti che ha Giuseppe Conte ci sia pure un contabile, e se se l’era portato a Bruxelles?  (FirenzePost, 29/09/2020).

Degenerazione autoritaria della legislazione italiana

In Francia le leggi sono 7 mila, in Germania 5,5 mila, in Inghilterra 3 mila (ma non conta). In Italia solo 150 mila.

Tra le tante tipologie di legge del governo ci sono i decreti del presidente del consiglio, i decreti legislativi, e i decreti -legge.

Nel governo Conte 2, i primi non si contano e non hanno controllo; i secondi sono opera del Consiglio dei ministri previa autorizzazione del parlamento e anche questi si sono moltiplicati.

Per finire, sono cresciuti i decreti legge; anche questi sono fatti dal governo e hanno vigore di legge appena pubblicati; ma, dal punto di vista del governo hanno l’inconveniente di dover essere convertiti in legge entro sessanta giorni, il che significa che devono essere approvati dal parlamento.

In passato venivano reiterati alla scadenza (anche 20 volte), uno stratagemma dichiarato incostituzionale nel 1996.

Resta però il decreto milleproroghe, promulgato entro la fine di dicembre e immediatamente convertito in legge. Di norma estremamente eterogeneo, perché deve evitare la decadenza di una quantità di regole che minerebbero la civile convivenza. Esiste anche in Francia, anche se in forme enormemente più brevi e più chiare.

Grazie al Presidente del Consiglio Conte, ai  5 stelle, al Pd, questo anno per la prima volta nella storia della Repubblica ha subito una modifica fortemente peggiorativa. La conversione in legge è stata prorogata nientemeno che a fine febbraio, e aumentata di molti articoli e commi. Probabilmente ha condotto il governo a confrontarsi in ritardo con l’emergenza Corona virus.

Secondo e più grave abuso:

Sicuramente il decreto-legge del 16 luglio 2020 (convertito in legge il 16 settembre 2020) di cui si  è detto, è in sostanza una replica estiva del decreto mille proroghe. Costituisce un inedito gravissimo nella storia della nostra Repubblica e si può essere sicuri che il governo ripeterà l’abuso, malgrado le proteste del Presidente della Repubblica.

Ma c’è di peggio: gran parte delle  modifiche al codice della strada, tutte assenti nel decreto di luglio e mai discusse nelle sedi parlamentari, sono state inserite per volontà del Partito Democratico e, in particolare, del Presidente della Regione Emilia-Romagna.

In pratica la legislazione adottata o in via di adozione nella sola regione dell’Emilia-Romagna è stata imposta a tutti gli italiani.  Un capovolgimento del rapporto Stato- Regioni.

In proposito offro una testimonianza: una settimana, forse 10 giorni fa, mentre guidavo, avevo chiesto ad un’amica se avesse notato che la durata del giallo nei semafori fosse diminuita sensibilmente.

Si trattava di esperimenti, infatti due giorni fa La Repubblica pubblicava giuliva la notizia fresca: “3 secondi per il giallo”. Ieri la proposta è stata contestata, in sede parlamentare e fuori, come demenziale, tuttavia stanno contrattando sul numero dei secondi.

Vale la pena di ricordare che a Bologna da pochi anni la durata media dell’arresto ai semafori  è di 90 secondi, una eternità che induce a molti comportamenti scorretti o azzardati di autisti, motociclisti, ciclisti e pedoni, pur di non attendere altri 90 secondi:

ai semafori i pedoni corrono, i ciclisti si avviano con il rosso, i motociclisti fanno ressa accanto e davanti alle auto in prima fila, gli autisti…rischiano e pagano le multe.

Conclusione personale: se Stefano Bonacini  ha tanta premura di condizionare la circolazione stradale degli italiani, prima ancora di aver sostituito Zingaretti a leader del PD, che cosa dobbiamo temere per il futuro?